SOLO IL SUGHERO E’ LA PROTEZIONE TOTALE

Il clima sta cambiando, è una realtà sotto gli occhi di tutti. Ne sono una prova lo scioglimento dei ghiacciai con il conseguente aumento del livello dei mari, i fenomeni atmosferici sempre più estremizzati, l’avanzare della desertificazione e l’endemica carenza d’acqua registrata in molti territori una volta fertili e rigogliosi.

Secondo gli studiosi le cause di tutto ciò sono da attribuire alle emissioni di inquinanti in atmosfera che causando l’effetto serra provocano un aumento delle temperature. In Italia gran parte di queste emissioni derivano da un patrimonio edilizio parzialmente obsoleto e con una forte presenza di edifici altamente energivori sia per il riscaldamento invernale che per il raffrescamento estivo.

Infatti, negli anni 70 e 80 in Italia, in seguito al boom economico degli anni 60 soprattutto in ambito residenziale, si è costruito tanto e spesso male, realizzando soprattutto la quantità, i mq, a discapito della qualità, del comfort e della bellezza. Allora c’èra scarsa consapevolezza dell’ambiente e, soprattutto nelle zone rurali, si pensava a realizzare case grandi che potessero ospitare anche i propri figli con le rispettive famiglie.

Non di rado, infatti, i fabbricati, in seguito ad una progettazione scadente ed a soluzioni realizzative approssimate, risultano avere degli involucri termici di scarsa qualità con presenza di ponti termici e scarsa tenuta all’aria, che causano  situazioni di discomfort abitativo oltre al verificarsi di condense e muffe che minano la salubrità dei locali e la salute degli occupanti con problematiche di asme, allergie ecc.    

Per fortuna negli anni 90  la situazione è iniziata a migliorare, causa l’aumento della bolletta energetica nazionale ed in seguito all’introduzione di alcuni leggi, a partire dalla legge 10/91, fino ad arrivare alla direttiva europea 2010/31 UE sugli edifici ad energia quasi zero si è acquisita maggior coscienza del valore e dell’importanza dell’isolamento termoacustico degli edifici, cominciando ad incrementare in modo significativo l’utilizzo e lo spessore degli isolanti.

Negli ultimi anni poi, anche grazie all’opera di sensibilizzazione di associazioni come l’A.N.A.B. (associazione nazionale architettura bioecologica) oltre che  allo sviluppo di internet ed alla maggiore e più facile circolazione di pensiero e di informazioni, è andata via via aumentando sia la sensibilità ambientale  che la consapevolezza e l’esigenza di un costruire più sano e comfortevole, più a misura d’uomo e in sintonia con la natura.

Da tutto ciò deriva un numero sempre crescente di progettisti, di costruttori, di sostenitori, di utenti e fan della bioedilizia; ecco perché si è sempre più attenti alla naturalezza ed alle caratteristiche “green” dei materiali, ecco perché si costruiscono sempre più case e tetti in legno, ed aumenta la percentuale di case passive e di edifici a emissioni zero.

Noi della Biosughero conosciamo bene queste dinamiche, così come conosciamo benissimo i materiali isolanti presenti sul mercato per averli commercializzati in oltre vent’anni di attività; ed è per questo che promuoviamo il sughero, perché sia in bioedilizia quanto in edilizia tradizionale siamo certi che complessivamente rimane l’isolante migliore, il più versatile, ed il più performante.

È vero, come affermano i nostri detrattori, il costo iniziale, rispetto ad altri materiali sintetici come polistireni e poliuretani, o ad altri materiali di origine minerale come lane di vetro, roccia ecc. risulta un po’ più alto, però...ci sono innumerevoli caratteristiche che lo rendono unico.

Eccone alcune: la durata, l’insensibilità all’acqua e all’umidità, la salubrità, la traspirabilità, la capacità di isolare dal caldo, dal freddo, dal rumore, ed infine i vasti campi d’impiego e le prestazioni costanti ed inalterate nel tempo, rendono il sughero di gran lunga il materiale più competitivo, completo ed idoneo rispetto agli altri materiali isolanti presenti in commercio, per isolare e proteggere le nostre case a 360° in modo efficiente e naturale. Il sughero è un materiale sostenibile, riciclabile, naturale nobile, testato da migliaia di anni di utilizzo come dimostrato dalla storia degli antichi Egizi o dai ritrovamenti nelle coperture dei Nuraghe (antichissime costruzioni sarde di 4.000 anni fa).

E’ un materiale ecologico che ha infinite possibilità di applicazioni, la sua produzione non inquina e non produce scarti, anzi la sua coltura permette alle sugherete del Mediterraneo di assorbire ogni anno 14 milioni di tonnellate di CO2, e di preservare interi ecosistemi come ad esempio il Montado Portoghese.

Per tutte queste ragioni siamo così sicuri della bontà di questo prodotto che lo consigliamo vivamente non solo come isolante termoacustico a cappotto, come coibente nei tetti, nelle intercapedini delle pareti o sotto massetto, ma anche come rivestimento isolante ed estetico di pareti fredde, umide e con presenza di muffa; come pavimentazione di pregio sia a colla che flottante con un abbattimento acustico fino a 17 decibel; ed infine anche come arredo di design per rendere più bella ed originale la tua abitazione.

Se ti vuoi bene, se ami la tua famiglia, la tua casa e la natura fai anche tu la scelta naturale.

Scegli il sughero e non te ne pentirai, mai! 


Torna alla home del blog